Vendere : da segugio a conduttore. 

Metafore e riflessioni sulle possibilità di crescita in una struttura di vendita.

I ruoli e le responsabilità in una squadra di vendita devono essere chiariti da subito.

Molte volte però in azienda questo non avviene o viene volutamente travisato.

Si cercano i migliori performer sul campo attirandoli con scenari e responsabilità che una volta immersi nella realtà quotidiana non corrispondono a quanto presentato, o cambiano.

Risultato un continuo e costante avvicendamento dei migliori da una squadra ad un’altra.

Quello che ogni azienda cerca in un venditore è un talento in grado di scandagliare il territorio per portare a casa tutti i risultati migliori, anche quelli inattesi.

Il miglior venditore è un dissodatore di terreno.

Proprio come un segugio di razza fiuta le migliori opportunità anche in territori non conosciuti e le identifica portandole alla attenzione del proprio conduttore/manager fino a portarle nel paniere dei risultati.

Quanti di voi fanno o hanno fatto il segugio in una azienda?

Quanti sono stati apprezzati per queste caratteristiche di scouting e prospecting? E quanti sono riusciti a trasformare il proprio ruolo da segugio a conduttore?

La crescita professionale di una figura di vendita sta nel ruolo che riveste e nell’azienda che ne sostiene la crescita, ma è sempre così?

Se si entra come segugi si può diventare conduttori? Ogni azienda che ha a cuore il proprio sviluppo può facilitare questa evoluzione.

Ma è vero anche il contrario.

Negli anni ho visto decine di venditori senior molto abili e performanti rimanere nelle fila dei segugi.

Alcuni per propria predisposizione, a non volersi assumere responsabilità o deviare da quello che sanno fare meglio, dissodare il terreno.

Altri perché caduti più e più volte nelle trappole poste lungo il percorso dai conduttori che li avevano in squadra.

Potevano andare altrove, ma non lo hanno fatto. Anche tra i migliori non tutti sono predisposti ad un cambiamento continuo.

Ecco quindi che proprio in queste situazioni di quiescenza del potenziale personale, riuscire ad intercettare e favorire le capacità e le aspirazioni di chi è in un ruolo e vorrebbe fornire un contributo diverso, ma non riesce a passare oltre, è possibile identificare un potenziale valore su cui l’azienda deve lavorare.

Favorire la consapevolezza che da un ruolo, segugio, si possa passare ad uno più elevato e responsabile, conduttore, richiede che nell’azienda sia presente una visione ed una azione di coaching della forza vendita.

Abilitare lo sviluppo delle proprie risorse a nuovi scenari e favorirne la crescita ed evoluzione professionale guidate è garanzia di successo ad ogni livello e pone l’azienda, che ne rende possibili le condizioni, una realtà di riferimento per le nuove generazioni di vendita.

E voi nella vostra azienda come favorite il passaggio da uno stato all’altro nella vostra squadra di vendita?

Volete approfondire i temi di questo articolo per la vostra azienda? contattateci o iscrivetevi alla nostra newsletter sul sito web https://community.ilcommercialethesalesman.com .

Photo by Artem Beliaikin on Unsplash

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Il Commerciale - The Salesman ® | Copyright | Privacy e cookie policy

Log in with your credentials

Forgot your details?