venditore di successo

Vendere : come essere il venditore meraviglioso. Valutare le azioni che guidano all’eccellenza.

Quanti di voi hanno letto il libro “ Il Venditore Meraviglioso “ ? Ve lo consiglio, è una delle letture che ogni venditore dovrebbe concedersi prima o poi.

Oggi a distanza di molti decenni dalla prima pubblicazione del libro le caratteristiche che il protagonista del testo si trova a dover gestire, per tornare a diventare il migliore nel suo mercato, rimangono le stesse.

Quello che è cambiato è lo scenario in cui il venditore si muove, gli strumenti che ha a disposizione, la velocità con cui le informazioni vanno e vengono tra lui ed il cliente.

E soprattutto è cambiato proprio lui, il cliente. Questa lettura mi ha portato a riflettere sulle caratteristiche che un venditore professionista deve possedere per essere considerato tale.

Quale è il mix ideale di attività che un venditore deve compiere, secondo voi, per essere definito il migliore? Abbiamo stilato un elenco a cui abbiamo assegnato dei pesi in percentuale, il totale deve essere il 100% corrispondente alla definizione di massima qualità.

Il tempo è riferito al tempo medio della propria attività in un periodo che può essere un mese o un trimestre.

  • 20% di prospecting: attività che fa venire sempre il mal di pancia ai venditori, ma che non può non essere in testa alle priorità, da tenere in debita considerazione ed a cui non ci si può sottrarre, a meno di non cambiare mestiere
  • 20% di formazione personale: anche il migliore dei vostri professionisti della vendita ha bisogno di avere e mantenere viva la propria preparazione, ripasso dei fondamentali, ripresa delle tecniche e delle modalità di approccio, uso del telefono, del computer, dei social network, del social selling…
  • 20% di azione su clienti: il tesoro di ogni venditore, su cui poter contare nei momenti di difficoltà ed a cui prestare la massima attenzione e cura. Se c’è una cosa che demotiva al massimo un professionista della vendita è assistere alla perdita di un cliente per cui si è dedicato tanto tempo e lavoro nella acquisizione
  • 20% di coaching alla squadra: avere l’umiltà di farsi guidare, riconoscere che un punto di vista diverso dal nostro può fornire una visione più ampia a cui non avevamo mai pensato. Essere parte di una squadra, anche in due, ma collaborare per migliorarsi, sempre.
  • 20% di innovazione a clienti: come per i clienti dedicare tempo nel trovare nuove vie su cui poter favorire lo sviluppo del loro business, e non solo il nostro, è il fattore che fa la differenza tra un venditore qualsiasi ed un venditore meraviglioso.

E voi quali pesi e percentuali date alle caratteristiche che ritenete essenziali per essere il venditore migliore?

Volete approfondire i temi di questo articolo per la vostra azienda? contattateci o iscrivetevi alla nostra newsletter sul sito web community.ilcommercialethesalesman.com.

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Il Commerciale - The Salesman ® | Privacy e cookie policy

Log in with your credentials

Forgot your details?