mobbing

Mobbing e Vendita è un articolo pubblicato la prima volta sul sito Il Commerciale – The Salesman il 31 marzo 2013.

Una situazione in cui molti venditori si sono trovati e tuttora si trovano nella propria attività di vendita quotidiana in azienda è quella del mobbing.

Quando il mercato ristagna, le vendite rallentano, i risultati non arrivano, a dispetto di quanto professato da coach, formatori e motivatori si è soli con se stessi e ci si trova ad affrontare la diffidenza, il rancore, la rabbia, la disillusione, il disprezzo di chi vede in noi solo il lo strumento inceppato per fare business rapidamente e proficuamente.

Ma se la macchina si ferma la colpa è solo esclusivamente di chi vende?

” I rischi del mestiere”  arguiranno alcuni. Certo, siamo artefici e distruttori del nostro destino, se tanto chiediamo tanto dobbiamo rendere.

Ma è solo questo il bandolo della matassa? Se il bianco e nero corrispondono a positivo e negativo allora tutto si potrebbe semplicemente risolvere con il vecchio assunto dei rapporti di agenzia , se vendi ti pago se non vendi problema tuo.

Quando però abbiamo uno scenario più complesso, in aziende più o meno strutturate, con la richiesta di una seniority qualificata e di lunga data, con la capacità non solo di vendere ma di creare business, pensare business, fare e promuovere business anche dove non c’è… lo scenario si complica.

Sì perché molto spesso in queste posizioni si trovano persone che hanno una lunga storia professionale ed una esperienza manageriale che ha lasciato da anni il rapporto di agenzia, o che non lo ha mai praticato,  che agisce e si propone come i manager stessi dell’impresa.

Sono donne e uomini d’azienda, che hanno sempre vissuto la propria storia di vendita in una struttura organizzata e complessa, in cui il rapporto con la direzione ed il top management ne ha fatto dei quadri, dirigenti, leader della vendita.

Ed è qui che la relazione diventa pesante.

Maggiore è l’attesa del risultato maggiore è la reazione negativa alla mancanza dello stesso. Le parole, le circostanze, lo scenario, il mercato, non contano nulla al di fuori dei risultati.

Ed agli occhi di chi ” dirige “ il venditore professionista è inaccettabile ogni forma di motivazione o condizione che non corrisponda al termine minimo, produrre successo.

Si inizia quindi la restituzione della mancata gratificazione di successo con un gioco di aggressione psicologica basato su silenzio, deleggittimazione, indifferenza, allusione, sarcasmo, declassamento delle attività e mansioni di lavoro, controllo e analisi esasperata di ogni singola azione della persona fino a che questa non decide di lasciare ed andarsene per ritrovare la propria serenità e motivazione altrove.

Come si arriva a questo?

Sono molte le cause e non sono mai solo da una parte. Molto spesso sbagliano entrambi, sia l’azienda che il venditore, e perdono entrambi per non avere saputo ascoltare e ridurre le proprie pretese a semplici parole che se condivise adeguatamente e preventivamente avrebbero magari arricchito il rapporto.

Raramente avviene questo, conosco molti colleghi e colleghe che negli anni hanno subito dei veri e propri traumi psicologici che li hanno duramente provati, non tutti sono stati in grado di sostenere e superare certe subdole sollecitazioni  e ricatti personali.

Una realtà fuori dagli schemi? Nei corsi, nelle riunioni e relazioni aziendali non se ne parla mai? Eppure esiste e di questi tempi, trova terreno fertile e molti adepti .

E Voi avete mai vissuto una situazione di mobbing nella vostra attività? Fateci sapere la vostra esperienza.

 

Photo by Hello I’m Nik on Unsplash

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Il Commerciale - The Salesman ® | Copyright | Privacy e cookie policy

Log in with your credentials

Forgot your details?